Un blog scritto con i piedi ed i suoi perché / da jogger a runner senza schemi

Due anni fa il mio approccio è cambiato, ero ancora freddo fobica, d’inverno e con la pioggia correvo rigorosamente sul tapis roullant ma tempo e temperatura  permettendo  percorrevo con una certa regolarità pochi chilometri per volta.  Correre iniziava a piacermi sempre di più, due volte a settimana uscivo, facevo quei  4/5 km e stop.

Poi la svolta, un anno fa inizio condividere la corsa con un compagno fisso e parecchio motivato, il mio fidanzato, Gianluca, lui runner vero da qualche anno è riuscito a trasmettermi la sua passione (a detta mia fin troppo) maniacale e a trasformare radicalmente  il mio approccio con la corsa.  Correre insieme è stato motivate, oltre che un piacevole momento da condividere.

Era lo scorso maggio, correvamo con regolarità insieme da qualche mese, quando capitava partecipavamo a qualche gara in zona nel weekend  ma senza prendere in considerazione gare sopra i 10/15 km.  Poi è arrivata la sua decisione di partecipare alla maratona di New York,  Alcuni amici avevano già partecipato l’anno prima e grazie anche alla loro spinta, lui e un bel gruppo di amici decise di iscriversi e provarci.

Io non lo feci, non ero ovviamente abbastanza allenata, solo a pensarci mi sembrava una distanza irraggiungibile e a dirla tutta pensavo “perché mai dovrei farlo, è così bello correre 6/7km, di più è una sofferenza”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s